Skip to main content
Nuove misure per  sviluppare un distinto livello di maturità digitale: un valore aggiunto per restare competitivi sul mercato

Una costante e crescente evoluzione tecnologica ha dato luogo a una continua proliferazione di canali in grado di garantire l’accesso all’informazione. Pertanto, la certezza di avere un’efficace rete internet diventa fondamentale per gestire in maniera ottimale le attività economiche e per mantenere alta la competitività in un mercato che diventa sempre più automatizzato.

Infatti, secondo i dati riportati da Eurostat, per ciò che concerne la percentuale di accesso a internet, sin dal 2012 si è assistito a un consistente incremento. Nel dettaglio, in Italia, circa il 99% delle imprese ha raggiunto l’accesso alla connessione internet, mentre solo l’1% non ne dichiara la disponibilità a causa di scarsa informazione o insufficienti infrastrutture informatiche. Tale crescita si deve sicuramente all’incremento esponenziale dei consumi online; in tal senso, le imprese hanno dovuto adottare policy in grado di gestire tale fenomeno; infatti, si assiste a un aumento di imprese che decidono di possedere un proprio website aziendale: secondo i dati riportati da Registro.it, dal 2019 al 2021 la crescita di registrazioni di domini è stata di circa il 6,6%. Inoltre, aumentano anche gli utenti che utilizzano in maniera intensa le funzionalità che offrono i social media, così da garantire servizi, capaci di raggiungere in maniera immediata il cliente, adottando canali efficaci e garantendo una concreta diffusione globale del proprio business.

Tuttavia, per poter raggiungere una completa transizione digitale, è necessaria una decisa crescita del livello di digitalizzazione. In tal senso, si inserisce l’intervento attuato dal Governo italiano e dal MITD (Ministero per l’innovazione tecnologica e la transizione digitale) che predispone il cosiddetto “Bonus PC” per le imprese: la misura consta  di un contributo alle imprese che arriva fino a 2500 euro, per poter garantire l’accesso a servizi digitali; questa  fa parte del  Piano Voucher, cui scopo è quello di creare una migliore transizione digitale e che, dal 2022, non è più rivolto solo a famiglie e privati, ma anche a micro, piccole e medie imprese. Per poter usufruire di tale contributo è necessario fare richiesta a operatori associati a tale proposta. Per ulteriori dettagli, è possibile visitare la pagina ufficiale del MISE.

Fonte: https://internet-casa.com/news/transizione-digitale-imprese/
Fonte immagine: Pixabay.com
Fonte grafica: Storyset.com

 

Leave a Reply

Call Now Button