Skip to main content

L’inflazione è scesa sotto il dieci percento a Giugno. Secondo gli analisti le cause sono una corona forte e una domanda inferiore.

Effetti sull’inflazione

Per la prima volta da gennaio 2022 il ritmo di crescita dei prezzi al consumo a giugno è rallentato e l’inflazione è calata sotto il 10% secondo gli analisti. Essi sostengono che sia la corona forte che la domanda inferiore hanno avuto un effetto rilevante sulla riduzione dell’inflazione. Nel mese di maggio, l’inflazione era dell’11.1%. I dati ufficiali sull’inflazione di giugno saranno pubblicati giovedì dall’ufficio statistico ceco. “Stimiamo l’inflazione su base annua per giugno al 9.7”, secondo quanto affermato dagli analisti della Raiffeisenbank. “Il principale contributo al processo di disinflazione è il calo dei prezzi del carburante, che sono scesi di oltre il venti percento su base annua. Il motivo è l’elevata base comparativa dello scorso anno, quando i prezzi del carburante hanno raggiunto massimi storici durante l’estate”, hanno aggiunto. L’attualizzazione dell’ energia elettrica e del gas sulle borse e l’effetto del plafond governativo dovrebbero far diminuire i prezzi regolamentati. Al contrario, secondo gli analisti, l’elemento che contribuisce a mantenere l’inflazione elevata è il prezzo dei prodotti alimentari.

Cosa mantiene l’inflazione elevata

“Rispetto a maggio, probabilmente c’è stato un altro leggero aumento del prezzo del cibo, e con l’arrivo della stagione turistica, probabilmente sono aumentati anche i prezzi delle attività ricreative. L’aumento dei prezzi sembra essere proseguito nei servizi di ristorazione e alloggio e nell’abbigliamento e calzature. Al contrario, lo sgravio dovrebbe arrivare nella categoria delle abitazioni, dove potrebbe esserci un leggero calo dei prezzi. Rispetto a maggio, i prezzi stagnanti del carburante e degli elettrodomestici entreranno nell’inflazione in modo pressoché neutrale”, ha valutato l’andamento dei prezzi il capo economista Cyrrus, Vít Hradil. Secondo il suo punto di vista, il livello dei prezzi è aumentato dello 0.4% rispetto a maggio e ciò vale a dire un’inflazione su base annua del 9,8%.

Free Money Home photo and picture

Previsioni di un ulteriore calo

Secondo quanto affermato agli analisti di Česká spořitelna, l’inflazione su base annua a giugno è stata del 9,8%. “Oltre all’influenza della base comparativa, ci sono una serie di fattori antinflazionistici, il più significativo dei quali è il basso consumo delle famiglie, il calo dei prezzi dell’energia, del carburante e degli immobili, e l’inflazione è anche indebolita dalla forte corona. Anche l’aumento dei prezzi dei prodotti alimentari è più moderato, sebbene l’incertezza sul loro futuro sviluppo rimanga considerevole e bilaterale” hanno asserito. Nei mesi a venire, gli analisti di Česká spořitelna prevedono un ulteriore allentamento della spinta inflattiva che, sempre secondo essi, scenderà all’8,6% a luglio e all’8,2 % ad agosto. Gli analisti presumono che ad inizio 2024 il tasso di crescita dei prezzi dovrebbe raggiungere il livello del tre percento.

 

Fonti: https: https://www.novinky.cz/; https://www.ceskatelevize.cz/

Fonte immagini: https://pixabay.com/

Fonte grafica: https://storyset.com/

 

Leave a Reply

Call Now Button